Il percorso di fattibilità per l'acquisizione delle quote di Veolia da parte dei comuni dell'Ato 4 è stato presentato ieri ai sindaci in una riunione informale che si è svolta in Provincia, convocata dal presidente Eleonora Della Penna. Si procederà con un acquisto a rate e una parte dei soldi potrebbe arrivare dal fondo regionale per la ripubblicizzazione. Nel corso della riunione è stato stabilito però come sia necessario richiedere gli atti di due diligence relativi alla trattativa Acea-Veolia rispetto alla situazione dell'azienda Acqualatina e di affidarne la verifica ad un advisor esterno. Ma i sindaci vogliono intraprendere anche un'altra strada che è quella della battaglia legale nel solco della relazione del professor Alberto Lucarelli, puntando dunque sulle presunte inadempienze contrattuali di Veolia.
Il documento presentato ieri ai sindaci dell'Ato 4 (erano assenti solo quelli di Forza Italia) prevede un percorso che inizierà già nelle prossime settimane per avere la prima scadenza concreta nell'aprile 2018, quando verrebbe saldata la prima parte dei soldi a Veolia. Si tratta di 3,1 milioni di euro che sono attualmente disponibili dal calcolo dei canoni di concessione dei comuni. Un valore che corrisponde a circa il 14% delle quote di Idrolatina. http://www.latinaoggi.eu/news/politica/55122/il-piano-per-le-quote-di-veoliaa-3_1-milioni-entro-aprile-2018-per-salire-al-65p-di-acqualatina