mercoledì 24 maggio 2017

Pontinia e la messa in sicurezza della fascia frangivento: scappano i buoi e si chiude la stalla

Ieri sera alle 21 circa il crollo sulla sede stradale di un ramo lungo una decina di metri, Migliara 47 interrotta per un'ora, il tempo di arrivo dei Vigili del Fuoco e il taglio dopo che la squadra di emergenza del servizio elettrico ha tolto il cavo caduto con il ramo. Stamattina alle 7,20 il sopralluogo della squadra per l'intervento di messa in sicurezza della fascia frangivento. I lavori dovevano iniziare il 17 maggio... Scappano i buoi e si chiude la stalla? ma forse questa volta interverranno davvero? 

Blitz di Greenpeace contro Trump: attivisti entrano in Vaticano con tir e proiettore

Blitz di Greenpeace in Vaticano: proiettate scritte contro Trump sulla cupola Alla vigilia dell'incontro tra Papa Francesco e Donald Trump, attivisti di Greenpeace sono entrati in via della Conciliazione con un tir e hanno proiettato sulla cupola di San Pietro la scritta 'Planet Earth First', in risposta al motto americano "America First"
http://roma.repubblica.it/…/blitz_di_greenpeace_in_vatica…/…
GUARDA IL VIDEO
Alla vigilia dell'incontro tra Papa Francesco e Donald Trump, attivisti di Greenpeace sono entrati in via della Conciliazione con un tir e hanno proiettato
ROMA.REPUBBLICA.IT
Alla vigilia dell'incontro tra Papa Francesco e Donald Trump, attivisti di Greenpeace sono entrati a via della Conciliazione con un tir e hanno proiettato sulla cupola di San Pietro la scritta "Planet Earth First" in risposta al motto americano "America First". Il tutto totalmente indisturbati, nonostante i controlli serrati degli ultimi giorni. Solo dopo una decina di minuti le forze dell'ordine sono intervenute per fermare il blitz
Video di Cristina Pantaleoni
Alla vigilia dell'incontro tra Papa Francesco e Donald Trump, attivisti di Greenpeace sono entrati a via della Conciliazione con un tir e hanno...
VIDEO.REPUBBLICA.IT

CSM, CARTE DESECRETATE Dopo 40 anni E Falcone rivelò: “Piersanti Mattarella disse: mai più voti mafiosi a casa di papà”



FU UNA FINE CHE IN TROPPI AUSPICAVANO
PER COLPIRE LA MAFIA, SEGUI I SUOI SOLDI 
CRISI POPOLARI Rischio contagio dalle due venete
CRAC IMPUNITI Renzi giura: “Verità subito”. Ma la legge finisce in coda ai parchi Etruria&C., di nuovo rimandata la commissione di non-inchiesta L’ex premier ribadisce il suo slogan, ma poche ore dopo la maggioranza boccia la proposta. Di questo passo, potrà partire solo dopo le ferie e farà nulla
SCANDALO CONSIP Verdiniani e Pd: legge “ad Marroni”
Il Papa sferza la C h ie s a italiana: “Dovete cambiare”. I vescovi gli offrono il suo “pre ferito” Bassetti come presidente della Cei. Riuscirà a fare il m i racolo ? 
CITTÀ BLINDATA Il grand tour romano dei super-Trumps fra il Papa e i palazzi
MANCHESTER Attentato al concerto: 22 vittime, oltre cento feriti La strage delle bambine “cro ciate”e l’e n ne s i mo jihadista noto ai Servizi MANCHESTER Attentato al concerto: 22 vittime, oltre cento feriti La strage delle bambine “cro ciate”e l’e n ne s i mo jihadista noto ai Servizi
MA QUALE ISIS, SONO SCIACALLI SCIOLTI (IL CHE È ANCOR PEGGIO)
 MOHSIN HAMID “L’Islam è tutta u n’altra cosa, ma ho paura”
STEFANO BENNI “La vera lingua morta è quella della nostra tv”
tratto da www.ilfattoquotidiano.it

Aprilia nube scura in cielo torna la paura. Aprilia debito sull'acqua da 10 milioni, batosta a rate. Chiuso il ponte tra Terracina e San Felice Circeo, litorale diviso dal fiume Sisto per problemi strutturali dell'opera d'arte. La Provincia, tanto per cambiare, per la messa in sicurezza delle strade non ha soldi e i lavori non si fanno. Ventotene affari sporchi sull'isola, 5 arresti. Latina palazzetto dello sport lo scandalo delle utenza a insaputa del comune


Nessun testo alternativo automatico disponibile.

https://www.facebook.com/latinaoggieditoriale/photos/pb.136411303231673.-2207520000.1495600042./735799513292846/?type=3&theater

ma la provincia di Latina è favorevole o contraria ai progetti di nuovi volumi nella discarica di Borgo Montello? nella nota, infatti, la provincia di dice contraria a "ulteriore discarica nel territorio della Provincia di Latina" e tale dichiarazione farebbe pensare che non sia contraria ad ampliare o sopraelevare quella esistente di Borgo Montello. Non è un caso che i cittadini di Borgo Montello e loro rappresentanti siano stati ricevuti in commissione ambiente a Bruxelles, nella commissione contro le ecomafie del parlamento italiano, audizione commissione rifiuti a La Pisana e mai ricevuti, nonostante le ripetute richieste nella matrigna via Costa

CONSIGLIO PROVINCIALE, SOSTEGNO AGLI AGRICOLTORI PER I DANNI DOVUTI ALL'ONDATA DI GELO DI APRILE. APPROVATA LA "GIORNATA DEL BUON GIOCO" CONTRO LE LUDOPATIE. NO ALLA DISCARICA AD APRILIA E SOSTEGNO AI COMUNI PER ISTITUIRE UN MUSEO DEL NEOREALISMO A FONDI

Approvati all'unanimità tutti i punti all'ordine del giorno nella seduta del Consiglio Provinciale odierno. In apertura di seduta la Presidente Eleonora Della Penna ha voluto ricordare a un quarto di secolo la morte di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, gli uomini e donne delle loro scorte e l'attentato di ieri (22 morti e 59 feriti) a Manchester durante un concerto, per tenere viva la memoria di questi tragici avvenimenti e dei loro protagonisti.
Approvati i verbali delle sedute precedenti del 26.04.2017 e del 27.04.2017 e a seguire la rinegoziazione dei prestiti ordinari concessi dalla Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. ai sensi dell'art. 1 comma 430, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 e successive modifiche e integrazioni per l'importo complessivo di debito residuo al 1 gennaio 2017 di Euro 19.411.798,83, con la possibilità di non pagare nel 2017 le rate per quota capitale per Euro 430.837,95 spostando il pagamento delle rate per quota interessi 2017 al 31 gennaio 2018 per Euro 864.491,69.
La discussione è proseguita poi sulla modifica e integrazione alla deliberazione del Consiglio provinciale n° 6 del 23.03.2017 con oggetto: "Istituzione e nomina commissione consiliari permanenti" ai fini dell'attivazione delle commissioni consiliari permanenti. Alle quattro commissioni consiliari: Trasparenza, Lavori Pubblici, Sviluppo e Tutela del Territorio, Programmazione e Statuto, si aggiunge, quindi, la quinta commissione: Pubblica Istruzione e Formazione.
Il Consiglio Provinciale ha approvato, sempre all'unanimità, una serie di mozioni, presentati dai consiglieri provinciali Antonini e Carnevale. La prima sull' "Istituzione della Giornata del Buon Gioca in prevenzione e contrasto GAP" da tenersi ogni anno nella terza settimana del mese di settembre. L a penetrazione del mondo del gioco d'azzardo legale e i fenomeni illegali, infatti, sono sempre di più una chiave di lettura anche delle prospettive delle organizzazioni criminali, è quanto emerso dalla relazione della Direzione Investigativa Antimafia.
L'altra mozione ha interessato l'istituzione di un "Museo del Neorealismo" a Fondi da proporre alla Regione Lazio. Con il Museo del Neorealismo si potrà avviare e consolidare un polo culturale di alto livello, uno spazio di crescita e di incontro per i giovani non solo della città di Fondi, ma della stessa provincia di Latina e di Frosinone.
Un "No" secco e forte da parte dell'intero Consiglio provinciale è arrivato per la " discarica ubicata nel Comune di Aprilia/Piano Provinciale dei Rifiuti" e a qualsiasi ipotesi di ulteriore discarica nel territorio della Provincia di Latina. La Presidente Della Penna chiederà quindi un'audizione in consiglio provinciale del Presidente della Regione Lazio Zingaretti e dell'assessore regionale all'Ambiente Bruschini per conoscere quali siano gli intendimenti regionali in merito alla gestione del ciclo dei rifiuti regionali e in particolare nella Provincia di Latina. Il Consiglio Provinciale ha chiesto poi alla Presidente Della Penna di mettere in atto, di concerto con i sindaci del territorio, ogni azione utile, coinvolgendo ogni livello di governo regionale e nazionale, al fine di garantire l'avvio di un processo di gestione autonoma dei rifiuti in Provincia di Latina.
L'ultima mozione approvata, sempre all'unanimità, e presentata dalla stessa Presidente Della Penna riguarda alcun i territori della Provincia di Latina colpiti dall'eccezionale ondata di gelo verificatasi nei giorni 19 e 21 aprile 2017 che ha causato ingenti danni al mondo agricolo. Molte imprese agricole, infatti, sono state colpite e fortemente compromesse. È stata fatta richiesta, quindi, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento Protezione Civile - della dichiarazione di stato di calamità naturale per il territorio ricompreso nei Comuni di Aprilia, Cisterna di Latina, Latina, Sermoneta, Cori, Fondi, Sezze e Terracina.

http://www.provincia.latina.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/13246
Latina, 23 maggio 2017

 Ufficio Stampa Provincia di Latina

CONFERMA DEI RISULTATI DELLA QUALITÀ DELL'ARIA NEL TERRITORIO CIRCOSTANTE ALL'IMPIANTO ECO-X DI POMEZIA

A seguito dei campionamenti, effettuati nei giorni 9 - 10 e 11 maggio, dalle centraline della rete Regionale, nei comuni di Aprilia e Latina, l'Arpalazio ha confermato che i livelli degli inquinanti continuano a presentare valori in linea con la tendenza del periodo e rientrano nei limiti di legge.
La stessa Arpa ha effettuato delle simulazioni modellistiche in cui si è riscontrato che nella Provincia di Latina le aree di massima ricaduta, investono solo alcune piccole porzioni del territorio di Aprilia, in cui si stanno effettuando comunque appositi campionamenti, allo scopo di individuare la presenza di specifiche sostanze inquinanti, quali diossine, IPA (Idrocarburi policiclici aromatici) e PCB (policlorobifenili).
Tali livelli di inquinamento sono consultabili all'indirizzo internet del Centro Regionale della Qualità dell'Agenzia
http://www.arpalazio.net/main/aria/.

http://www.provincia.latina.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/13235
Informazioni del Settore Ecologia e Ambiente

Latina, 23 maggio 2017

Pontinia Migliara 47 pericolosità della fascia frangivento, stradale e la mancanza di sufficiente personale delle Forze dell’Ordine e di pronto intervento dopo l’ennesima caduta di alberi sulla sede stradale

A S.E. IL PREFETTO DI LATINA
AL SINDACO DEL COMUNE DI PONTINIA

Oggetto: pericolosità della fascia frangivento, stradale e la mancanza di sufficiente personale delle Forze dell’Ordine e di pronto intervento dopo l’ennesima caduta di alberi sulla sede stradale

La pericolosità, per la mancata e insufficiente manutenzione degli alberi della fascia frangivento è stata segnalata, negli ultimi 15 anni, più volte dai privati cittadini.
Chi scrive lo ha fatto più volte, avendo mancato più volte, incidenti per caduta di alberi o di rami o di pali della pubblica illuminazione o della telefonia oppure con sbalzi di tensione elettrica (per la caduta di alberi) che hanno causato interruzioni, anche per giorni dell’energia con danni superiori a 10 mila euro mai risarciti, nonostante il pericolo del danno sia stato segnalato.
L’importanza della vegetazione, degli alberi sia per l’apporto dell’ossigeno che per la regolamentazione idrogeologica, per la difesa della magnitudo degli agenti atmosferici è nota, per questo gli alberi e la fascia frangivento vanno tutelati e manutenzionati.
Lo scaricabarile vergognoso ed indecente degli Enti in materia si ripete ad ogni occasione, insieme alla mancanza di risorse.
La stessa mancanza di risorse non consente alle Istituzioni e alle Forze dell’Ordine di avere personale e finanziamenti per la prevenzione degli incidenti.
Ieri sera, verso le 21, solo il caso e il pronto intervento di una decina di persone volontari, non prodotto l’ennesima prevedibile, più volte segnalata tragedia con la caduta di un ramo, lungo una decina di metri che dalla fascia frangivento ha invaso l’intera corsia stradale della Migliara 47 nel territorio comunale di Pontinia, km 1,500 circa o se preferite a circa 500 dalla rotatoria di Borgo Pasubio in direzione Appia.
Ovviamente i cittadini residenti sul posto hanno segnalato il pericolo e fatto deviare il percorso stradale non essendo possibile attraversare la strada.
Con la caduta il ramo ha staccato il cavo elettrico, lasciando al buio diverse famiglie con altri pericoli temuti.
I cittadini residenti del posto intervenuti hanno presidiato l’area per un’ora chiamando le varie istituzioni delle Forze dell’Ordine e di intervento.
Segnalando con torce agli automobilisti, molti dei quali a folle velocità, sono stati prevenuti incidenti.
Dopo circa 45 sono arrivati la squadra del servizio elettrico per la manutenzione e a seguire i Vigili del Fuoco.
Questo grave mancato incidente impone alcune riflessioni:
1.        Non si può rinviare la manutenzione e la messa in sicurezza della fascia frangivento;
2.        Occorre nelle ore serali e notturne la presenza di personale della protezione civile e di pronto intervento;
3.        Occorre nelle ore serali e notturne la presenza di personale delle Forze dell’Ordine.
4.        In situazioni come queste il traffico andava interrotto nei due incroci che immettevano sulla strada interrotta con apposita segnaletica e informazione.
Ieri sera è andata quasi bene ma se fosse successo durante un temporale oppure nelle ore notturne o lontano da case che potevano avvertire del problema oggi staremmo parlando dell’ennesima tragedia annunciata.
Non serve trovare il responsabile è necessario prevenire.
Grazie
Saluti
Giorgio Libralato

Messaggio di posta certificata

Il giorno 24/05/2017 alle ore 06:11:08 (+0200) il messaggio
"Pontinia Migliara 47 pericolosità della fascia frangivento, stradale e la mancanza di sufficiente personale delle Forze dell?Ordine e di pronto intervento dopo l?ennesima caduta di alberi sulla sede stradale" è stato inviato 

indirizzato a:
comune@pec.comune.pontinia.lt.it prefettura.preflt@pec.interno.it 
Il messaggio originale è incluso in allegato.
Identificativo messaggio: opec291.20170524061108.16143.22.1.210@sicurezzapostale.it
A S.E. IL PREFETTO DI LATINA
AL SINDACO DEL COMUNE DI PONTINIA

Oggetto: pericolosità della fascia frangivento, stradale e la mancanza 
di sufficiente personale delle Forze dell’Ordine e di pronto intervento 
dopo l’ennesima caduta di alberi sulla sede stradale

La pericolosità, per la mancata e insufficiente manutenzione degli 
alberi della fascia frangivento è stata segnalata, negli ultimi 15 anni, 
più volte dai privati cittadini.
Chi scrive lo ha fatto più volte, avendo mancato più volte, incidenti 
per caduta di alberi o di rami o di pali della pubblica illuminazione o 
della telefonia oppure con sbalzi di tensione elettrica (per la caduta 
di alberi) che hanno causato interruzioni, anche per giorni dell’energia 
con danni superiori a 10 mila euro mai risarciti, nonostante il pericolo 
del danno sia stato segnalato.
L’importanza della vegetazione, degli alberi sia per l’apporto 
dell’ossigeno che per la regolamentazione idrogeologica, per la difesa 
della magnitudo degli agenti atmosferici è nota, per questo gli alberi e 
la fascia frangivento vanno tutelati e manutenzionati.
Lo scaricabarile vergognoso ed indecente degli Enti in materia si ripete 
ad ogni occasione, insieme alla mancanza di risorse.
La stessa mancanza di risorse non consente alle Istituzioni e alle Forze 
dell’Ordine di avere personale e finanziamenti per la prevenzione degli 
incidenti.
Ieri sera, verso le 21, solo il caso e il pronto intervento di una 
decina di persone volontari, non prodotto l’ennesima prevedibile, più 
volte segnalata tragedia con la caduta di un ramo, lungo una decina di 
metri che dalla fascia frangivento ha invaso l’intera corsia stradale 
della Migliara 47 nel territorio comunale di Pontinia, km 1,500 circa o 
se preferite a circa 500 dalla rotatoria di Borgo Pasubio in direzione 
Appia.
Ovviamente i cittadini residenti sul posto hanno segnalato il pericolo e 
fatto deviare il percorso stradale non essendo possibile attraversare la 
strada.
Con la caduta il ramo ha staccato il cavo elettrico, lasciando al buio 
diverse famiglie con altri pericoli temuti.
I cittadini residenti del posto intervenuti hanno presidiato l’area per 
un’ora chiamando le varie istituzioni delle Forze dell’Ordine e di 
intervento.
Segnalando con torce agli automobilisti, molti dei quali a folle 
velocità, sono stati prevenuti incidenti.
Dopo circa 45 sono arrivati la squadra del servizio elettrico per la 
manutenzione e a seguire i Vigili del Fuoco.
Questo grave mancato incidente impone alcune riflessioni:
1.    Non si può rinviare la manutenzione e la messa in sicurezza della 
fascia frangivento;
2.    Occorre nelle ore serali e notturne la presenza di personale della 
protezione civile e di pronto intervento;
3.    Occorre nelle ore serali e notturne la presenza di personale delle 
Forze dell’Ordine.
4.    In situazioni come queste il traffico andava interrotto nei due 
incroci che immettevano sulla strada interrotta con apposita segnaletica 
e informazione.
Ieri sera è andata quasi bene ma se fosse successo durante un temporale 
oppure nelle ore notturne o lontano da case che potevano avvertire del 
problema oggi staremmo parlando dell’ennesima tragedia annunciata.
Non serve trovare il responsabile è necessario prevenire.
Grazie
Saluti
Giorgio Libralato

L’ex premier ribadisce il suo slogan, ma poche ore dopo la maggioranza boccia la proposta, In Edicola sul Fatto Quotidiano del 24 maggio

Prese in giro
Banche, l’inchiesta parlamentare? Non è una priorità
Renzi: “Non vediamo l’ora che parta”. Poi la maggioranza boccia la proposta di discuterne subito alla Camera: di questo passo partirà solo dopo le ferie e non farà nulla

di Tommaso Rodano
Stragi e autostragi di Marco Travaglio
Cosa direste se, dopo la strage di Manchester, qualche pezzo grosso dello Stato, della politica, delle forze dell’ordine e dei servizi segreti britannici si mettesse al lavoro non per scoprire e punire tutti gli esecutori, i complici e i mandanti della mattanza, ma per coprirli facendo sparire le loro carte e quelle degli inquirenti, lasciandoli […]

Soldi pubblici
Il contagio veneto: le due popolari in crisi fanno tremare l’Italia
Dopo sei mesi il governo non è ancora riuscito a sbloccare l’intervento per Mps. Se ci vorrà lo stesso tempo per PopVicenza e Veneto Banca, si rischia un disastro per tutto il sistema

di Giorgio Meletti
Consip, attacco a Legnini: “Così delegittima i pm”
La corrente di Davigo contro il vicepresidente del Csm che indica i magistrati come responsabili della diffusione di notizie segrete

di Antonella Mascali
Manchester
La polizia teneva d’occhio il kamikaze anglo-libico
Salman Abedi – Quasi coetaneo di molte delle vittime, ha fatto detonare la bomba probabilmente costruita in casa: un altro lupo solitario non riconosciuto in tempo

di Sabrina Provenzani
COMMENTI

Il dibattito pubblico lo conferma: esce Lsd dai nostri rubinetti
Caro direttore, amici lettori, autorità competenti. Vorrei attirare la vostra attenzione su una mia teoria che ogni giorno si dimostra più fondata e che dovrebbe allarmare tutti. Qualcuno ha sciolto dell’acido negli acquedotti, non c’è altra spiegazione. Il tono del dibattito pubblico, i suoi argomenti, le decisioni prese in seguito o sull’onda di quello che […]

Di Alessandro Robecchi
Fatti chiari
Salva il governo, “Vota Antonio” il responsabile
Tutti i sondaggisti sono concordi. L’Italia dal punto di vista elettorale è spaccata in tre e, almeno sulla carta, nella prossima legislatura potrebbe non avere un governo. La cosa, lo capiamo, preoccupa solo chi è appassionato di politica. Gli altri elettori sono invece tranquilli. Non tanto perché le esperienze belga e spagnola dimostrano che senza […]

Di Peter Gomez
Rimasugli
Antonio Tajani ovvero non arrivò
Sosteneva l’attore Robert Mitchum di essere una speranza per tutti: “La gente mi guarda sullo schermo e dice: ‘Se ce l’ha fatta quel coso lì posso farcela anch’io’”. Ecco, noi abbiamo più o meno la stessa opinione riguardo ad Antonio Tajani e dobbiamo ringraziare quei quotidiani, ieri La Stampa, che gli dedicano poderose interviste dalla […]

Di Marco Palombi
POLITICA

in arrivo un altro bonus
Mille euro per l’asilo a famiglie abbienti e scuole private
”Dal 17 luglioun altro provvedimento del governo dei MilleGiorni darà i suoi frutti: fatti, non discorsi. Aiuterà la vita di molte famiglie. Avanti”. Così la sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi, ha annunciato su Facebook l’ennesimo “bonus” renziano, quello per la frequenza agli asili nido. Si tratta di un massimo di mille euro […]

di Lu.Ce.
Sante nomine
I vescovi accontentano il Papa Bassetti il più votato dalla Cei
Bergoglio deve scegliere il presidente: il preferito è proprio il cardinale di Perugia

di Andrea Giambartolomei
dieselgate
Governo Usa fa causa alla Fiat. Perquisizioni alla Mercedes
Il governo statunitense ha presentato una causa civile contro Fiat Chrysler Automobiles per il presunto utilizzo di software per aggirare i controlli sulle emissioni nei veicoli diesel. L’accusa, che è stata avanzata attraverso il Dipartimento di Giustizia, sostiene che il gruppo Fca avrebbe utilizzato defeat devices o strumenti ausiliari di controllo delle emissioni nei veicoli […]

di RQuotidiano
CRONACA

Il processo di Milano
Il fiscalista: “Corona faceva 130 mila euro di nero ogni mese”
Al processo contro Fabrizio Corona ieri si è fatto di conto. In aula è stato sentito un consulente del pool difensivo che ha fornito i numeri sui guadagni cash dell’ex “re dei paparazzi”: in meno di 9 mesi, tra novembre 2015 e luglio 2016, ha incassato per le sue serate nei locali “883mila euro in […]

di RQuotidiano
Masotti rapinato in Kenya: “Sono stati i poliziotti, non ci tornerò”
“I rapinatori erano i poliziotti. In divisa. Hanno agito sotto gli occhi di decine di persone”. Accade in Kenya. A raccontare è Giovanni Masotti, 66 anni, volto noto della Rai dove ha lavorato tra l’altro come corrispondente da Londra e Mosca. La sua disavventura all’aeroporto di Mombasa rischia di provocare imbarazzo nei rapporti tra Italia […]

di F.Sa.
’ndrangheta
BlackBerry da 3.500 euro e sim Usa. Così i boss fregano le intercettazioni
I software – Due inchieste milanesi svelano i nuovi sistemi di comunicazione

di Davide Milosa
ITALIA

l’inchiesta
Caro Zuckerberg, soltanto tu puoi moderare Facebook
Odio Online – Il “manuale” rivelato dal Guardian è pieno di buchi

di Selvaggia Lucarelli
MONDO

La giornata
Ivanka resta e forse incontra la Boschi
Giornata campale – Traffico deviato e “zone rosse” fra Santa Sede, ambasciata e Quirinale

di Irene Tinero
Caput mundi
Da Abu Mazen a Gentiloni Trump abbraccia tutti
Tra pace e alleanze – Il presidente Usa vede il leader palestinese e chiede “compromessi per la pace”. Doppia tappa italiana tra Vaticano e G7

di Giampiero Gramaglia
il commento
L’Isis che rivendica non è più credibile
L’esperto – Lo sciacallo dell’orrore ci mette la firma, ma sono cani sciolti, pazzi (e non è una buona notizia)

di Fabio Mini
CULTURA

Racconti – Le parole di Eudora Welty
L’umanità sgangherata alla periferia del Mississippi
“Noi partiamo da zero” dice Eudora Welty, “ma le parole no”; quelle contengono il mistero di cui le storie si nutrono. E la Welty è un’autrice che della parola conosce tutto: la sua suggestiva struttura fonemica, la sua potente filigrana evocativa. Nelle diciassette storie che compongono il libro “Una coltre di verde”, edito da Racconti […]

di Rossella Milone
Storia – Un magistrato contro l’oblio
Rosaria e gli altri: indagine sui 30 mila desaparecidos
Avrebbero potuto ma non gliel’hanno permesso. In una serata romana, per puro caso, il pm Pino Narducci ha scoperto la storia di Maria Rosaria Grillo. Si è lasciato coinvolgere nelle pieghe di una vicenda complessa, non solo in quanto giurista, ma anche come napoletano: Rosaria era di Napoli, e da lì è partita alla volta […]

di Irene Tinero
Il saggio – L’Italia degli ultimi trent’anni
La maledizione del “nuovo”: da Craxi a Renzi e i 5stelle
Il “Nuovo” ormai non è che un contenitore stanco, che vuol dire tutto e non vuol dire niente: Marco Damilano, nel suo ultimo libro, che si chiama appunto, Processo al Nuovo, mette in luce questo estremo paradosso. E per farlo ripercorre la più recente storia italiana. Dagli anni Ottanta a oggi. Da Bettino Craxi a […]

di Wanda Marra
SPORT

Il caso
Una vita da César Gómez: cinque minuti in campo a perdere il derby
L’1 novembre 1997 il “campione” spagnolo gioca la sua unica partita, Lazio-Roma 3-1. Ora ha una concessionaria

di Giorgio Biferali
Giro d’Italia
Quando il gioco si fa duro lo Squalo inizia a scalare
Il trionfo di Vincenzo Nibali su Mortirolo e Stelvio

di Leonardo Coen di  | 24 maggio 2017 http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/05/24/in-edicola-sul-fatto-quotidiano-del-24-maggio-lex-premier-ribadisce-il-suo-slogan-ma-poche-ore-dopo-la-maggioranza-boccia-la-proposta/3610398/

martedì 23 maggio 2017

Bonifiche, a ex Cemerad scorie nucleari in bidone camomilla Era in uno degli 86 fusti portati via la scorsa settimana

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - Un fusto pieno di camomilla in polvere, con nascosto dentro materiale radioattivo. E' una delle scoperte che sono state fatte la settimana scorsa durante la prima bonifica del deposito di materiale radioattivo nella ex Cemerad di Statte, in provincia di Taranto. A raccontare del curioso ritrovamento è stata la commissaria straordinaria per la bonifica di Taranto, Vera Corbelli, intervenendo oggi alla Camera a un convegno sul risanamento dei siti inquinati.

"Non sappiamo da dove sia venuto questo fusto, non era neppure registrato - ha spiegato Corbelli -. Pensiamo sia stato portato successivamente nel capannone, senza autorizzazione". La commissaria al momento non sa spiegare perché materiale radioattivo sia stato nascosto dentro la camomilla: "Abbiamo fatto delle analisi dall'esterno del fusto, senza aprirlo - ha spiegato all'ANSA - e gli strumenti ci hanno detto che era c'era camomilla".

Nel capannone della ex Cemerad di Statte sono conservati da oltre vent'anni 16.500 fusti di materiale radioattivo, per lo più a bassa pericolosità, proveniente dagli ospedali. Le misure di sicurezza fino a poco tempo fa erano inesistenti e chiunque poteva introdursi nel deposito. La scorsa settimana sono stati portati via 86 fusti con il materiale più pericoloso (fra i quali quello con la camomilla): 27 con sorgenti di radioattività e 59 con filtri utilizzati ai tempi del disastro di Cernobyl. I fusti sono stati sistemati al deposito di Casaccia (Roma), in attesa che venga realizzata la discarica nazionale delle scorie nucleari.

La Sogin, la società che si occupa dello smaltimento dei rifiuti radioattivi, ha annunciato che entro il maggio dell'anno prossimo conta di portare via da Statte tutti i fusti ed entro la fine del 2018 conta di riconsegnare l'area bonificata.

(ANSA).
http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/inquinamento/2017/05/23/bonifiche-a-ex-cemerad-scorie-nucleari-in-bidone-camomilla_dfb920a3-4fe1-4aac-9557-34160a6137cb.html
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Ok della Camera all'emendamento "salva-trivelle" già attive 235 favorevoli, 137 contrari e 7 astenuti

L'aula della Camera ha approvato, dopo un lungo dibattito, con 235 favorevoli, 137 contrari e 7 astenuti, l'emendamento della commissione Ambiente della Camera al ddl Parchi per chiarire che "nel territorio dei Parchi e nelle aree contigue, le attività di prospezione, ricerca, estrazione e sfruttamento di idrocarburi liquidi e gassosi" saranno vietate "fatte salve le attività estrattive in corso e quelle ad esse strettamente conseguenti". 
L'emendamento agisce sul divieto di prospezione, ricerca, estrazione e sfruttamento di idrocarburi liquidi e gassosi, introdotto nel corso dell'esame della commissione Ambiente di Montecitorio, per salvaguardare le attività già in essere nei Parchi. La correzione si è resa necessaria dopo la bocciatura della norma da parte della Ragioneria dello Stato, che ha spinto la commissione Bilancio a condizionare il suo parere favorevole proprio all'accoglimento dell'emendamento della commissione Ambiente. Per la Ragioneria un divieto del genere avrebbe comportato minori entrate per lo Stato a causa della riduzione delle royalties.

"L'emendamento - chiarisce il relatore al ddl Parchi Enrico Borghi (Pd) - fa salve unicamente le attività estrattive di idrocarburi già esistenti e le sole attività strettamente collegate alle estrazioni in corso, quali, ad esempio, le attività di messa in sicurezza o di manutenzione di pozzi esistenti, oltre ovviamente al ripristino ambientale. Pertanto a mio giudizio la norma vieta nuova ricerca, nuove estrazioni e nuove prospezioni". 
http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/istituzioni/2017/05/23/ok-della-camera-allemendamento-salva-trivelle-gia-attive_1dbd4d99-75c0-43a5-942a-066804bb7578.html
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

WWF, biodiversità può diventare volano sviluppo del turismo Ogni lupo può generare 45.000 euro all'anno di indotto turistico

http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/animali/2017/05/22/wwf-biodiversita-puo-diventare-volano-sviluppo-del-turismo_77361540-b05d-4512-8a2c-61275318739d.html

Enpa, Italia maglia nera per tutela biodiversità "Lupi e marmotte a rischio doppiette, parchi e Via in pericolo"

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - "L'Italia celebra la festa della biodiversità con un primato da maglia nera, anche a causa di scelte politiche che negli ultimi anni sono state estremamente dannose per l'ambiente e la natura". Lo scrive in un comunicato l'Enpa (Ente nazionale protezione animali), che elenca quelle che a suo avviso sono le principali aree di crisi.

"Indebolimento dei controlli antibracconaggio sul territorio, a causa dello scioglimento della Polizia Provinciale e della fase di transizione legata all'assorbimento del Corpo Forestale nell'Arma dei Carabinieri. Mancata approvazione delle misure di conservazione del Lupo per il noto braccio di ferro tra l'opinione pubblica e il Ministro dell'Ambiente. Mantenimento della possibilità di cacciare anche le specie di avifauna in forte diminuzione, classificate dalla normativa europea come Spec2 e Spec3, cioè decisamente in declino. Possibilità per le Province di Trento e Bolzano di includere la marmotta tra le specie cacciabili. Guerra senza quartiere alle nutrie. Parchi e aree protette sempre più nel mirino con il testo approvato dal Senato e ora in discussione alla Camera, che prende a picconate il sistema di tutele previsto dalla 394/91 . Allentamento dei vincoli ambientali, in modo particolare la VIA (Valutazione Impatto Ambientale)".

"Viviamo una allarmante fase di regressione sulle politiche in favore della biodiversità - dichiara Annamaria Procacci, consigliere nazionale Enpa - regressione che è anche un preoccupante segnale culturale per l'opinione pubblica. Per questo chiediamo al premier Gentiloni di promuovere una rapida e forte inversione di tendenza che la preziosa biodiversità di questo Paese merita, a partire da un rinnovato impulso alla tutela del Lupo". (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/animali/2017/05/22/enpa-italia-maglia-nera-per-tutela-biodiversita_209cee8a-e3f1-47c9-9a0e-5badc93d8f64.html

Sea Sheperd aiuta governo Liberia in lotta a pesca illegale Nave ong pattuglia mare per 3 mesi, 5 pescherecci sequestrati

http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/natura/2017/05/22/sea-sheperd-aiuta-governo-liberia-in-lotta-a-pesca-illegale_befc32c5-24bd-49a8-87b7-041ca029b4b7.html

Martina a Ue, ecco strategia per clima su acqua e agricoltura Chiede strumenti gestione rischio,trasferimento dell'innovazione

http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/clima/2017/05/23/clima-martina-a-ue-ecco-strategia-su-acqua-e-agricoltura_b021b508-51f5-480e-9284-4208ab6208fa.html

Premio satirico di ong a Paesi che sostengono fonti fossili Climate Action Network, Italia in top 5 per le 'tasse sporche'

http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/clima/2017/05/22/premio-satirico-di-ong-a-paesi-che-sostengono-fonti-fossili_f501a3d7-da75-4ec6-888a-006fa6fb8903.html