mercoledì 23 maggio 2018

Emergenza canile di Latina, il gestore: “Chiarimento con il Comune, si stringono i denti in attesa del contratto”

https://www.latinacorriere.it/2018/05/23/emergenza-canile-latina-gestore-chiarimento-comune-si-stringono-denti-attesa-del-contratto/

Rita Cammarone ha condiviso un link.
6 h

Aprilia, 10mila metri cubi di rifiuti in un sito industriale dismesso. Prove generali per la bonifica

https://www.latinacorriere.it/2018/05/23/aprilia-10mila-metri-cubi-rifiuti-un-sito-industriale-dismesso-prove-generali-la-bonifica/
Rita Cammarone ha condiviso un link.
7 h
Diecimila metri cubi di rifiuti di vario genere, componenti plastiche e tessuti anche sintetici, stoccati all’interno di un sito industriale dismesso ad Aprilia. Urge la bonifica.…
LATINACORRIERE.IT
M

Borgo Montello cosa certificava la Asl a proposito della discarica?

L'ArpaLazio ha più volte evidenziato e certificato le condizioni di pericolo verso le popolazioni circostanti provenienti dalla discarica.
Così come la Asl di Latina con la nota 10503 / 2014 certificava:
- che le attività di bonifica non sono state intraprese entro i termini, in questo modo vengono a cadere i presupposti di tutela e salvaguardia dell'ambiente e della salute pubblica;
- come principio di precauzione va limitata l'esposizione della popolazione ai fattori di rischio e insalubrità, con la popolazione già abbondantemente esposta a rischio di insalubrità derivante dall'esercizio delle discariche.
Di fatto il parere della Asl è contrario alla proliferazione o realizzazione di nuovi impianti che trattano rifiuti.

MEGA-OPERE INUTILI Il Terzo Valico piace a Lega e FI - L’opera piace a Lega e FI. Costa 6,2 miliardi ma il 26% è già stato realizzato



Csm: la corrente di Davigo denuncia in un libro bianco le ben 18 promozioni di magistrati reduci da ruoli “p ol it ic i ”. C’era una volta il Consiglio Superiore
IL GIALLO DEL PROF OTTIMO NOME E RE TRAVICELLO
FUORI RUOLO Non fa il giudice dal 1987, quando fu eletta in Parlamento la prima volta Orlando sistema la Finocchiaro: posto al ministero della Giustizia. La decisione finale spetta al Csm, ma l’ex capogruppo Pd al Senato ha trovato uno scivolo per non rientrare in magistratura. La richiesta del ministro Guardasigilli è di impiegarla in via Arenula
MA CHI LO DICE CHE L’E SECUTIVO NASCE DEBOLE?
CANALI PREFERENZIALI “Il concorso-gondolieri è taroccato”: a Venezia caccia ai raccomandati
FATTO IL GOVERNO, BISOGNERÀ FARE UNA OPPOSIZIONE
IL FATTO ECONOMICO Tim: fondi pubblici e 2200 a spasso (senza dire “c ri si”)
Cagliari, il business del metrò e le logge che superano il Pd
SALVIMAIO Mattarella punta i piedi contro il ministro anti-euro in quota Lega Ora può saltare tutto Conte traballa: sotto attacco per il curriculum. E il Colle stoppa Savona. Il presidente preferisce ancora l’opzione Di Maio premier. Ma anche oggi non affiderà l’inc arico
L’ULTIMA NOMINA Quel “p a l l o t to l i e re ” di Lotti sentinella a Palazzo Madama
tratto da www.ilfattoquotidiano.it

Borgo Faiti Latina, pozzo 2 via Migliara 43 e 1/2 tra crisi idrica e siccità

R.D.1775/33. Rilascio autorizzazione alla ricerca d'acqua pubblica sotterranea mediante perforazione di n.2 pozzi in località del comune di Latina Via Migliara 43 ½ - Ditta Floricola 44 S.n.c . Fasc. 5542. AUTORIZZAZIONE FLORICOLA44 LATINA.pdf

crisi idrica e siccità in provincia di Latina, autorizzazione pozzo 1 Borgo Faiti

R.D.1775/33. Rilascio autorizzazione alla ricerca d'acqua pubblica sotterranea mediante perforazione di un pozzo in località del comune di Latina Via Strada Migliara 43 ½ - Ditta Capitanio Paolo. Fasc. 5566. AUTORIZZAZIONE CAPITANIO LATINA.pdf

crisi idrica e siccità in provincia di Latina autorizzazione pozzo a Terracina

R.D.1775/33. Rilascio autorizzazione alla ricerca d'acqua pubblica sotterranea mediante perforazione di un pozzo in località del comune di Terracina Via Migliara 56. Ditta: Azienda Agricola Gazzelloni Michela - Fasc. 5501. Autorizzazione ricerca d acqua Gazzelloni Terracina.pdf

siccità in provincia di Latina e crisi idrica pozzo Cori via Velletri Anzio

R.D.1775/33. Rilascio autorizzazione alla ricerca d'acqua pubblica sotterranea mediante perforazione di un pozzo in località del comune di Cori. Ditta: Morza Gaspare - Fasc. 5530. AUTORIZZAZIONE MORZA CORI.pdf

siccità in provincia di Latina e crisi idrica pozzo Cori via del Cavone


R.D.1775/33. Rilascio autorizzazione alla ricerca d'acqua pubblica mediante perforazione di pozzo. Ditta Fieramonti Alessandra - Fasc- 5572. AUTORIZZAZIONE FIERAMONTI CORI.pdf

siccità in provincia di Latina e crisi idrica pozzo Cisterna di Latina Doganella di Ninfa

R.D.1775/33. Rilascio autorizzazione alla ricerca d'acqua pubblica mediante perforazione di pozzo. Ditta: Comandini Marco. Fasc. 5554. AUTORIZZAZIONE COMANDINI.pdf

statale 699 (Frosinone - Mare anche Prossedi Terracina Ponte Maggiore) nuovo stop ai lavori si studia un piano per l'estate. Qualcuno ricorderà che dopo 40 anni dall'inizio dei lavori la strada è stata inaugurata in fretta e furia perché altrimenti non sarebbe stata conforme al nuovo codice della strada che stava per entrare in vigore. Nei primi 13 mesi 7 vittime, poi aumentate purtroppo. Chi la percorre si rende conto della pericolosità della sede stradale. Dopo vari cedimenti e crolli, l'ennesimo lo scorso anno. I lavori dovevano finire ad ottobre 2017, l'ultima previsione era fine maggio 2018 ancora rinvii. E' solo l'ulitmo, per adesso, capitolo di una storia sbagliata con un progetto per una strada inadatta e inadeguato con una situazione geologica e statica che rischia di essere l'anteprima di situazioni che si stanno ripetendo come per la nuova SR 156 dei Monti Lepini e per la Pontina SR 148, compreso il progetto dell'autostrada. Insomma la storia non insegna nulla. Se non si conosce il territorio e le necessità del trasporto si continuano a sprecare risorse e soldi pubblici, con la complicità della politica (si fa per dire) e di una classe dirigente (?) smemorina e inadeguata. 5000 assunzioni per la sanità. Nuova era Medici per la provincia di Latina


L'immagine può contenere: 3 persone, persone che sorridono

https://www.facebook.com/latinaoggieditoriale/photos/pb.136411303231673.-2207520000.1527049650./915502605322535/?type=3&theater


24 provvedimenti per la ricerca di acqua pubblica in provincia di Latina (dalla provincia) a proposito di siccità e crisi idrica


R.D.1775/33. Rilascio autorizzazione alla ricerca d'ACQUA pubblica sotterranea mediante perforazione di n.2 pozzi in località del comune di Latina Via Migliara 43 ½ - Ditta Floricola 44 S.n.c . Fasc. 5542.
R.D.1775/33. Rilascio autorizzazione alla ricerca d'ACQUA pubblica sotterranea mediante perforazione di un pozzo in località del comune di Latina Via Strada Migliara 43 ½ - Ditta Capitanio Paolo. Fasc. 5566.
R.D.1775/33. Rilascio autorizzazione alla ricerca d'ACQUA pubblica sotterranea mediante perforazione di un pozzo in località del comune di Terracina Via Migliara 56. Ditta: Azienda Agricola Gazzelloni Michela - Fasc. 5501.
R.D.1775/33. Rilascio autorizzazione alla ricerca d'ACQUA pubblica sotterranea mediante perforazione di un pozzo in località del comune di Cori. Ditta: Morza Gaspare - Fasc. 5530.
R.D.1775/33. Rilascio autorizzazione alla ricerca d'ACQUA pubblica mediante perforazione di pozzo. Ditta Fieramonti Alessandra - Fasc- 5572.
R.D.1775/33. Rilascio autorizzazione alla ricerca d'ACQUA pubblica mediante perforazione di pozzo. Ditta: Comandini Marco. Fasc. 5554.
Rilascio autorizzazione alla ricerca d’ACQUA pubblica sotterranea mediante perforazione di un pozzo ai sensi del R.D. 11/12/1933 N. 1775 in località del Comune di Aprilia Via Virgilio, loc. Campoverde. Ditta Giordano Giuseppe Drago, Fasc. 5537.
Rilascio autorizzazione alla ricerca d’ACQUA pubblica sotterranea mediante perforazione di un pozzo ai sensi del R.D. 11/12/1933 N. 1775 in località del Comune di Formia Via S. Pietro loc. S. Pietro. Ditta Pegaso S.r.l., Fasc. 5559.
Rilascio autorizzazione alla ricerca d’ACQUA pubblica sotterranea mediante perforazione di un pozzo ai sensi del R.D. 11/12/1933 N. 1775 in località del Comune di Gaeta, via Colle S. Agata II e III trav. loc. Colle S. Agata. Ditta Condominio Colle S. Agata, Fasc. 5529.
R.D. 1775/33 - Licenza di attingimento ACQUA da corpo idrico superficiale dal Rio Sassa per uso irriguo dei terreni siti in comune di Sonnino. Ditta Carocci Giuseppe. Fasc. 5557.
R.D. 11/12/1933 n. 1775. Rilascio autorizzazione ricerca d'ACQUA: Utenza: Soc. Agr. Semplice Satrico di De Luca Fabrizio & Snidaro Diego. Fasc. n. 5523.
Rilascio autorizzazione alla ricerca d'ACQUA pubblica sotterranea mediante perforazione di un pozzo ai sensi del R.D. 11/12/1933 n. 1775 in località del comune di Latina Via Ferriere Loc. B.go Montello. Ditta Satrico Società Agricola Semplice di De Luca Fabrizio & Snidaro Diego. Fasc. 5523.
Rilascio autorizzazione alla ricerca d'ACQUA pubblica sotterranea mediante perforazione di un pozzo ai sensi del R.D. 11/12/1933 n. 1775 in località del comune di Aprilia via Casalazzara. Ditta: Miller Patricia Margaret. Fasc. 5548.
Rilascio autorizzazione alla ricerca d'ACQUA pubblica sotterranea mediante perforazione di un pozzo ai sensi del R.D. 11/12/1933 n. 1775 in località del comune di Sermoneta via La Fuga snc. Ditta: Soc. Agricola Giuseppe Campoli e figli di Campoli G.&C. Fasc. 5513.
R.D. 11/12/1933 n. 1775 - D.lgs. 03/04/2006 n. 152 - Concessione per la derivazione di ACQUA pubblica sotterranea. Utenza: Az. Agricola Monetti Roberto con insediamento in San Felice Circeo, Via Montecirceo.
R.D. 11/12/1933 n. 1775 - D.lgs. 03.04.2006 n. 152 - Rinnovo concessione prot. 34989 del 22/05/2008 per la derivazione di ACQUA pubblica sotterranea. Utenza: BASF C.C. ITALIA S.p.A. con insediamento in Latina, Strada dello Zeppano.
R.D. 11/12/1933 n. 1775 - D. Lgs. 03/04/2006 n. 152 - Concessione per la derivazione di ACQUA pubblica sotterranea. Utenza: Sandro Mascitti, Lambiasi Erasmo e Savo Francesco con insediamento in Sabaudia Via Migliara 464 - Fasc. 4081.
Rilascio autorizzazione alla ricerca d'ACQUA pubblica sotterranea mediante perforazione di un pozzo ai sensi del R.D. 11/12/1933 n. 1775 in località del comune di Latina Via Carrara loc. Tor Tre Ponti Consorzio Industriale Roma-Latina Agglomerato di Latina Scalo - Ditta Delfer S.r.l. Fasc. 5515.
Rilascio autorizzazione alla ricerca d'ACQUA pubblica sotterranea mediante perforazione di un pozzo ai sensi del R.D. 11/12/1933 n. 1775 in località del comune di Sabaudia Via Migliara 51 loc. Cerasella - Az. Agricola Liotti Salvatore. Fasc. 5434.
Rilascio autorizzazione alla ricerca d'ACQUA pubblica sotterranea mediante perforazione di un pozzo ai sensi del R.D. 11/12/1933 n. 1775 in località del comune di latina via Litoranea loc. Fogliano - Ditta Falzarano Pasquale. Fasc. 5299.
Rilascio autorizzazione alla ricerca d'ACQUA pubblica sotterranea mediante perforazione di un pozzo ai sensi del R.D. 11/12/1933 n. 1775 in località del comune di Sezze, Via Migliara 46. Ditta: Soc. Agricola F.lli Di Pastina Antonio e Roberto Soc. Semplice. Fasc. 5389.
Rilascio autorizzazione alla ricerca d'ACQUA pubblica sotterranea mediante perforazione di un pozzo ai sensi del R.D. 11/12/1933 n. 1775 in località del comune di Sabaudia, Via Formicosa. Azienda Bonato Società Agricola semplice. Fasc. 549.
R.D. 1775/33 – D.lgs. 152/2006. Autorizzazione alla ricerca d’ACQUA. Ditta Bioland S.r.l. Fasc. 5388.
Rilascio autorizzazione alla ricerca d'ACQUA pubblica sotterranea mediante perforazione di un pozzo ai sensi del R.D. 11/12/1933 n. 1775 in località del comune di Formia via Appia tratto urbano denominato Via Marco Tullio Cicerone loc. Acervara - Ditta ACQUAlatina S.p.A. Gestore del servizio integrato ATO 4 - Fasc. 5496.

trattative nuovo governo, Conte traballa: sotto attacco per il curriculum, In Edicola sul Fatto Quotidiano del 23 maggio

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/05/23/in-edicola-sul-fatto-quotidiano-del-23-maggio-conte-traballa-sotto-attacco-per-il-curriculum/4375357/
Mattarella “congela” Conte: l’obiettivo è la testa di Savona
Oggi niente incarico, si aspetta fino a domani: preoccupano le rivelazioni sulla biografia del “tecnico”. Ma il vero nodo è la casella “leghista” all’Economia

di Fabrizio d’Esposito
La guerra preventiva di Marco Travaglio
Ci sarebbe molto da dire e ridire sul nascituro governo Salvimaio. Infatti molto abbiamo già detto: le distanze per certi versi incolmabili fra i due alleati della coalizione giallo-verde, l’ambiguità di Salvini servitor di due padroni (alleato di B. nel centrodestra e dei peggiori nemici di B. nel governo), la vaghezza di molti punti programmatici […]

Il mistero dell’avv. Giuseppe: ottimo nome e Re Travicello
Giunto (quasi) al termine della sua fatica questo diario, confuso e smarrito, non riesce a farsi un’opinione precisa del presidente del Consiglio in pectore, Giuseppe Conte. Non dubitiamo che si tratti di degnissima persona a cui formulare i migliori auguri nell’interesse di tutti. Purtuttavia, dall’ampia ritrattistica letta sui giornali emergono due differenti e quasi opposti […]

di Antonio Padellaro
Giustizia, l’eredità di Orlando: la Finocchiaro al ministero
Ministra uscente, parlamentare dal 1987, dovrebbe tornare giudice ma il collega le offre un posto in via Arenula. Deciderà il Csm che dopo 18 anni ha bocciato Kessler

di A.Masc.
Ferrovia
L’inutile Terzo Valico, ecco perché i partiti lo vogliono
La Genova-Tortona sparita dal contratto – Binari. L’opera piace a Lega e FI. Costa 6,2 miliardi ma il 26% è già stato realizzato

di Ferruccio Sansa
COMMENTI
Fatto il governo (forse), toccherà fare anche un’opposizione (vera)
Diffidare delle frasi a effetto e delle iperboli senza rete dovrebbe restare la prima regola sotto ogni cielo. Così la vulgata di questi giorni sul “governo più di destra della storia italiana” vale la scempiaggine sentita nel 2014 (“Il governo più di sinistra degli ultimi trent’anni”, lo disse Renzi quando sembrava un golden boy). Insomma, […]

Di Alessandro Robecchi
Il commento
Roma, Teatro Valle: c’era il bene comune ora c’è un museo
Hanno riaperto il Teatro Valle, o meglio per qualche ora al giorno è possibile visitare, come fosse un museo, il più antico teatro di Roma, chiuso ormai da quattro anni. Nell’estate del 2014, infatti, la (non rimpianta) Giunta Marino, dimostrando singolare incapacità e arroganza, aveva sbattuto la porta in faccia a ogni tentativo di negoziazione, […]

Di Ugo Mattei E Tomaso Montanari
Rimasugli
Girasoli, spread e ministri: una favola per bambini
Noi, com’è noto ai nostri cari e al nostro psichiatra, crediamo in modo fideistico alla grande stampa mainstream, specie a quella con un complesso di superiorità del tutto ingiustificato. Da lì, per dire, abbiamo appreso che lo spread Btp-Bund fa con la politica come i girasoli col sole: quelli si spostano verso la luce, lo […]

Di Marco Palombi
POLITICA
INcontro con Mittal
Trattativa a oltranza sull’Ilva. Sindacati contro la chiusura
I vertici dei sindacati dei metalmeccanici e di ArcelorMittal tentano ancora una volta di arrivare a un accordo sul futuro dell’Ilva. Questa volta il confronto non ha sede al ministero dello Sviluppo economico dove, peraltro, non è ancora arrivato il successore di Carlo Calenda, ma nella sede romana di Fim-Cisl, Uilm-Uil e Fiom-Cgil. L’obiettivo è […]

di RQuotidiano
Gli uomini del Tav insistono: “L’Italia paga di più ma va fatta”
Dopo giorni di polemiche, ieri hanno approfittato di un incontro per ribadire i loro punti importanti del Tav. I componenti della commissione intergovernativa sulla Torino-Lione, riunita nel capoluogo piemontese, hanno risposto a M5S e Lega che hanno inserito nel contratto di governo la ridiscussione del progetto e degli accordi tra Italia e Francia. “È un’opera […]

di Andrea gianbartolomei
L’intervista
“Le ingerenze sono offensive: l’Europa ci tratta da colonia”
Curzio Maltese – L’eurodeputato di sinistra: “Non mi piace questo governo, ma Germania e Francia imparino la democrazia”

di Tommaso Rodano
CRONACA
Il bandito sardo
Nel 2004 ricevette la grazia. Condannato a 30 anni Mesina
“Se verrò condannato, sarò condannato da innocente”. Poche parole, scandite in videoconferenza dal carcere nuorese di Bad’e Carros nel quale è rinchiuso da cinque anni. L’ex bandito Graziano Mesina, poco prima che la Corte d’Appello di Cagliari confermasse la sua sentenza a 30 anni di reclusione per associazione a delinquere finalizzata al traffico di droga, […]

di RQuotidiano
Il caso
Gondolieri e “spintarelle”: una lista agita Venezia
Finirà ai pm l’elenco, diffuso prima delle selezioni, dei nuovi “supplenti”: azzeccato per il 65%. M5s all’attacco

di Giuseppe Pietrobelli
La storia
Come sconfiggere Tripadvisor: insulti ai clienti polemici
Web – Da tempo i ristoratori lottano contro i danni delle recensioni negative. La titolare di un locale milanese va al contrattacco

di Selvaggia Lucarelli
MONDO
Regali avvelenati e manifestazioni Macron sotto assedio costante
Dopo un interrogatorio di 5 ore al tribunale di Parigi, Muriel Pénicaud ha potuto tirare un respiro di sollievo. La ministra del Lavoro ha evitato (per ora) un’iscrizione al registro degli indagati per favoritismo nella vicenda della trasferta a Las Vegas di Emmanuel Macron, nel 2016, quando era ministro dell’Economia. I magistrati hanno confermato per […]

di Luana De Micco
Il caso
Vittime dei preti pedofili uniti: l’incubo della Santa Sede
Effetto domino – I casi in Australia e Cile, la volontà di condanna di tribunali e Vaticano

di Andrea Valdambrini
Il bravo scolaretto Zuckerberg passa l’esame anche in Europa
Il fondatore di Facebook chiede scusa e afferma “mai più” casi come quello di Cambridge Analytica. I deputati di Strasburgo: “Dalle parole ai fatti”

di Virginia Della Sala
CULTURA
La tela
Mantegna risorto: era rimasto in magazzino
Si pensava fosse una copia: potrebbe valere 30 milioni di dollari

di Giulia Marchina
La riforma
Johannes Brahms, il genio ateo che scrisse un’opera corale
Scelta politica: la volontà di aderire al Protestantesimo per fare un manifesto ideologico

di Paolo Isotta
L’intervista
“Noi, generazione ’90: capaci di adattarci a ogni musica”
Isabella Ragonese – L’attrice su Sky con “Retromania”, dal vinile all’mp3: “Il supporto più amato è la musicassetta”

di Alessia Grossi

martedì 22 maggio 2018

Smog: api sentinelle per misurare la qualità dell'aria Con l'analisi del miele si monitora l'inquinamento in 20 città

http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/inquinamento/2018/05/22/smog-api-sentinelle-per-misurare-la-qualita-dellaria_40db3d61-6ba4-4ba1-b192-074d8fe6f941.html
Arnie-laboratori per misurare la qualità dell'aria: è il progetto "Bee-Kaeser", che ha usato alveari per monitorare l'inquinamento in 20 città italiane, da Milano a Palermo, da Napoli a Bolzano, passando per Torino, Lecce, Bologna e Cuneo. Lo studio, si legge in una nota, si è concentrato sulla presenza di piombo, nichel, cadmio e cromo nei campioni di miele raccolto nelle città analizzate.
All'indagine, durata un anno, hanno collaborato la startup romagnola Beeing, che svilu...
Altro...
Arnie-laboratori per misurare la qualità dell'aria: è il progetto "Bee-Kaeser", che ha usato alveari per monitorare l'inquinamento in 20 città italiane, da Milano a Palermo, da Napoli a Bolzano, passando per Torino, Lecce, Bologna e Cuneo. Lo studio, si legge in una nota, si è concentrato sulla presenza di piombo, nichel, cadmio e cromo nei campioni di miele raccolto nelle città analizzate.

All'indagine, durata un anno, hanno collaborato la startup romagnola Beeing, che sviluppa strumenti digitali per agricoltori, insieme alla multinazionale Kaeser e a Legambiente Emilia-Romagna.

Stando ai risultati, la qualità dell'aria nelle zone produttive è buona. In tutte le città è stata rilevata una presenza di cadmio minore di 0,005 mg/kg tranne che a Palermo, dove il campione indica comunque una quantità non pericolosa. Il nichel si è attestato sotto 0,15 mg/kg tranne che in tre città, restando comunque a un livello non pericoloso. Nelle 20 città, inoltre, sono state rilevate tracce di piombo inferiori a 0,05 mg/kg e tracce di cromo inferiori a 0,02 mg/kg. I dati raccolti in questo primo anno saranno confrontati con quelli dei prossimi 12 mesi.(ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Rifiuti, il 'modello Treviso' nel 'contratto' di governo Programma gialloverde cita provincia come esempio per l'Italia

http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/rifiuti_e_riciclo/2018/05/22/rifiuti-il-modello-treviso-nel-contratto-di-governo_fca88417-2126-4dd0-b45e-868fd2613028.html
Formazione dei cittadini, investimenti sugli impianti, differenziata spinta e niente discariche. Sono i quattro pilastri del "modello Treviso" di trattamento dei rifiuti, indicato nel programma del governo gialloverde come esempio da seguire in tutta Italia. Nei Comuni della provincia, in buona parte a guida leghista, nei cassonetti della differenziata viene raccolto l'82% in media della spazzatura: tutti i Comuni sono sopra l'80% e qualcuno raggiunge il 90%.
Come funziona il...
Altro...

Formazione dei cittadini, investimenti sugli impianti, differenziata spinta e niente discariche. Sono i quattro pilastri del "modello Treviso" di trattamento dei rifiuti, indicato nel programma del governo gialloverde come esempio da seguire in tutta Italia. Nei Comuni della provincia, in buona parte a guida leghista, nei cassonetti della differenziata viene raccolto l'82% in media della spazzatura: tutti i Comuni sono sopra l'80% e qualcuno raggiunge il 90%.

Come funziona il "modello Treviso" lo spiega Carlo Rapicavoli, direttore generale della Provincia. "Abbiamo cominciato a studiare il nostro piano rifiuti nel '98 - racconta -, fino ad adottarlo nel 2004. La scelta coraggiosa è stata chiudere tutte le discariche. Abbiamo mandato a esaurimento quelle che c'erano, e nel 2005 le abbiamo chiuse. Ma prima abbiamo predisposto le alternative".

All'epoca la differenziata era al 70%, la frazione secca non riciclabile era il 30%. "Abbiamo creato un impianto pubblico che trasformava questa frazione in Cdr, combustibile da rifiuto - spiega Rapicavoli -. Lo vendiamo a cementifici, termovalorizzatori o fornaci autorizzate".

Nel Veneto delle mille fabbriche, pubblico e privati hanno investito moltissimo negli impianti per il riciclo dei vari tipi di rifiuto: plastica, carta, vetro, metalli, perfino pannolini e assorbenti (a Lovadina di Spresiano).

Contemporaneamente, è partita una campagna a tappeto di sensibilizzazione e formazione dei cittadini verso la differenziata: "C'è stata una spinta forte da parte dei Comuni e delle due aziende di raccolta e trattamento, Contarina sulla riva destra del Piave e Savno sulla riva sinistra - continua Rapicavoli -. I cittadini hanno capito che più si ricicla, meno si paga di tariffa. Abbiamo lavorato molto anche per sensibilizzare artigiani e commercianti. Ora per i trevigiani sarebbe impensabile non fare la differenziata, è diventata un'abitudine".

Secondo Contarina, una delle due società della raccolta, i suoi utenti nel 2016 hanno avuto una produzione pro capite di rifiuti di 386 kg, contro i 497 della media italiana e i 477 delle media europea. Le tariffe per i cittadini serviti da Contarina sono state in media di 185,6 euro all'anno, contro i 304,8 della media nazionale.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA